Categories

A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Su Saxopedia “backing tracks” gratuite per fare pratica!

Studiare musica può essere molto noioso, specialmente per chi suona il sax, il flauto, la tromba o qualche altro strumento a fiato, monofonico per sua natura. Peggio ancora, studiare con il solo strumento può portare ad alcune brutte abitudini, tipo quella di non essere in grado di suonare bene “sul beat” e di non essere consci delle relazioni tra gli note/scale/arpeggi e gli accordi su cui si suppone che siano suonati.

Praticamente tutti gli insegnanti suggeriscono di usare un metronomo per imparare a padroneggiare il ritmo, ma cosa fare per imparare a sentire come le varie note suonano sugli accordi?

Molti strumentisti rimediano a questo problema usando i dischi play-along, tipo Aebersold e Hal Leonard. Ad esempio, i volumi 1, 3 e 16 di Aebersold offrono delle ottime “backing tracks” per fare pratica, rispettivamente, con le scale, le progressioni II-V e i turnaround. Altri musicisti preferiscono creare le proprie backing track con Band-in-a-Box. Tuttavia, entrambi gli approcci hanno qualche limite.

I CD play-along includono dei brani assolutamente realistici – in quanto registrati in studio da musicisti professionisti – ma offrono una scelta limitata di tonalità, sequenze di accordi, e tempi di metronomo. La maggior parte dei brani sono di velocità media, il che può essere problematico per i principianti, i quali dovrebbero studiare le scale e gli arpeggi MOLTO lentamente per padroneggiare le sottigliezze del ritmo, come suonare in anticipo e in ritardo.

Band-in-a-Box e altri simili programmi sono molto più flessibili, in quanto è possibile suonare qualsiasi sequenza, cambiarne la tonalità e il tempo, impostare dei loop, ecc. Le versioni recenti di BIAB includono le RealTracks, che sono in grado di produrre dei brani che suonano in modo estremamente più naturale dei suoni “sintetici” tipici delle versioni precedenti. D’altra parte, tutte queste feature aggiuntive rendono BIAB un programma abbastanza complesso, al punto che PG Music, la software house che produce BIAB, ha dovuto produrre alcuni video didattici per insegnare agli utenti come padroneggiare tutta quella potenza.

C’è poi la questione non banale del prezzo. I CD di Aebersold costano 10-15 dollari ciascuno, mentre BIAB parte da 129$ per arrivare a 669$ per la versione che includono tutte le RealTracks di cui potremmo aver bisogno. Non sono spiccioli!

—————

In un post recente ho introdotto ChordPulse, un programma in grado di generare delle backing tracks in modo molto semplice. Gli stili di accompagnamento sono un po’ poveri – specie se paragonati a BIAB – eppure sono tutto quello che vi serve per fare pratica col ritmo su armonie non troppo complesse. Quel che più importa è che ChordPulse è talmente intuitivo che servono pochi minuti per scoprire tutte le sue caratteristiche. Al pari di BIAB, ChordPulse permette di creare sequenze di accordi di (quasi) qualsiasi lunghezza, definire loop all’interno della sequenza, cambiare il tempo di metronomo, lo stile di accompagnamento, e la tonalità. E’ persino possibile accordare ChordPulse su frequenze differenti dalla canonica 440 Hz.

Quello che non avevo sottolineato nella mia recensione è che esistono ben TRE versioni differenti di ChordPulse, ovvero: ChordPulse (versione completa, per 19.95 euro), ChordPulse Lite (freeware, con numero limitato di tipi di accordi e stili di accompagnamento), e ChordPulse Player (anche questo freeware, è in grado di suonare i brani creati con la versione completa, ma non può crearne di nuovi). La cosa interessante della versione Player è che permette comunque di modificare tonalità e tempo, nonché di definire dei loop. E’ il software perfetto per quello che ci serve!

Usando la versione completa ho creato alcune sequenze di accordi pronte ad essere usate come sottofondo per quando si fa pratica con uno strumento a fiato. Potete scaricare questi brani ed eseguirli usando ChordPulse Player alla velocità che preferite, partendo da un tempo più lento ed accelerando man mano che vi sentite pronti a farlo. La maggior parte delle sequenze sono disponibili in tutte le tonalità, ma nei rimanenti casi è semplice trasportarle in altre tonalità semplicemente premendo i tasti freccia Alto e Basso.

Potete scaricare queste sequenze come un unico file ZIP, che contiene i seguenti esercizi:

Simple Chords – Accordi maggiori, minori, 7a dominante, eccedente, diminuiti e semi-diminuiti, suonati da soli o in semplici sequenze. Le prime 12 sequenze – o pagine, secondo la terminologia di ChordPulse – contengono esclusivamente accordi nella tonalità di Do, ma è facile trasporrtarli in altre tonalità premendo i tasti freccia. Le pagine da C a Z includono sequenze di accordi dello stesso tipo, suonate i sequenze ascendenti e discendenti, per semitoni, toni interi, terze minori, quarte perfette, ecc. Ottimo per suonare i pattern a-la Brecker.

II-V-I Sequences – Le prima 12 pagine contengono la sequenza II-V-I “base” in tutte le tonalità. Se vi interessa suonare esclusivamente sui primi due accordi (II-V) è sufficiente creare un loop di due misure. Potete fare pratica su ciascuna pagina (ovvero ciascuna tonalità) separatamente, oppure creare un loop che include queste 12 pagine (leggi dopo per le istruzioni). Le rimanenti 24 pagine contengono sequenze II-V oppure II-V-I che salgono o scendono cromaticamente, per toni intere, terze minori e maggiori, e quarte perfette.

II-V-I Sequences (Minor) – Identico all’esercizio precedente, eccetto per il fatto di contenere sequenze in tonalità minore, ovvero IIm7/5b – V7+alt – Imin. Sfortunatamente, ChordPulse non può generare accordi troppo complessi come alcuni di quelli usati nel jazz, e ad esempio il suono dell’accordo V7+alt non è perfetto.

Turnarounds – Contiene molte variazioni del più comune turnaround I- VIm7 – IIm7 – V7, tra cui le variazioni che usano la sostituzione del tritono. Le prime 10 pagine contengono solo turnaround nella tonalità di Do (usare i tasti freccia per trasportarle in altre tonalità), mentre le pagine rimanenti contengono turnaround in tutte le tonalità, in sequenze ascendenti o discendenti. Nel definire questi turnaround ho usato questa pagina come guida.

Ecco alcuni consigli per usare la meglio le sequenze:

  • Usate il comando di menu File-Session Notes (o più semplicemente premete il tasto N) per leggere le istruzioni sull’uso di ciascuna sequenza.
  • Usate i tasti freccia Up e Down oppure i comand vicini all’angolo inferiore destro per trasportare la sequenza in altre tonalità.
  • Usate il comando Repeat All per suonare tutti gli accordi dalla prima all’ultima pagina, oppure il comando Repeat Page per eseguire all’infinito gli accordi nella pagina corrente. Potete alternare tra queste due modalità cliccando sul terzo pulsante da destra, vicino al bordo superiore.
  • Create un loop sulla stessa pagina cliccando col mouse immediamente sotto il primo accordo della sequenza, e trascinando il cursore sull’ultimo accordo della sequenza.
  • Create un loop sugli accordi in pagine differenti facendo click col tasto destro del mouse e selezionando il comando “Loop from this Bar”, poi spostandovi sull’altra pagina e facendo click-destro sull’ultimo accordo della sequenza, scegliendo il comando “Loop to this Bar” dal menu.

UN ULTIMO ACCORGIMENTO: Se pensate che ChordPulse vi sia utile, prendete in considerazione l’idea di comprare la versione completa! Se non avete intenzione di farlo a breve, almeno mandate una mail all’autore Laszlo Oroszi per dirgli quanto avete apprezzato il suo software e la sua generosità (non dimenticate che le versioni Lite e Player sono completamente gratuite!).

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>