Categories

A sample text widget

Etiam pulvinar consectetur dolor sed malesuada. Ut convallis euismod dolor nec pretium. Nunc ut tristique massa.

Nam sodales mi vitae dolor ullamcorper et vulputate enim accumsan. Morbi orci magna, tincidunt vitae molestie nec, molestie at mi. Nulla nulla lorem, suscipit in posuere in, interdum non magna.

Un studio di registrazione in 600 grammi

Yesterday 4PocketsAUDIO released an upgrade for their Meteor Multi Track Recorder for iPad.

Meteor è un registratore digitale + mixer che supporta fino a 12 tracce con qualità CD. Non può essere realmente paragonato ai DAW come Ableton Live o Cubase, perchè supporta solo tracce audio (e non MIDI), ma ha diverse feature che lo rendono appetibile per i musicisti di studio.

Tipicamente Meteor si usa per registrare dei brevi clips che si possono poi duplicare, spostare, tagliare, suddividere e mixare con l’editor per sample interno. Potete importare brani dalla libreria musicale dell’iPad e esportare il risultato come file compressi CAV o WAV, oppure verso altre applicazioni iPad che supportano il protocollo PasteBoard, per poterle elaborare ulteriormente. Sono disponibili alcuni effetti ed altri (compressore, distorsore, equalizzatore) possono essere aggiunti mediante acquisti in-app. Questi effetti sono applicabili globalmente o a singole tracce.

La feature che mi interessava maggiormente – e che mi ha convinto ad acquistarlo – è l’automazione del mixer. E’ possibile “disegnare” i livelli del volume, del panning e dei vari effetti, per ciascuna singola traccia (vedere l’immagine), il che ad esempio permette di programmare i fade-in e i fade-out. Per quanto ne so, questa è l’unica applicazione per iPad con questa caratteristica.

L’import dei video è disponibile come acquisto in-app e permette di vedere un video mentre si lavora con l’editor, per produrre una colonna sonora e aggiungere un commento, mantenendo tutto ben sincronizzato.

Il problema principale di questo tipo di applicazione è che possono facilmente mettere in ginocchio anche le CPU più potenti, specialmente se utilizzate molte tracce e molti effetti. Questo è vero persino per le applicazioni per PC e MAC ed è quindi ancora più vero sull’iPad. Come (parziale) soluzione al problema, Meteor permette di “congelare” (freeze) una traccia calcolando in anticipo il risultato di tutti gli effetti associati, oppure di fondere (mixdown) più tracce in una sola. (Attenzione: il freezing è reversibile, il mixdown no).

Non ho ancora avuto modo di giocare molto con Meteor, ma le prime impressioni sono molto positive. Non ci sono molti modi migliori per spendere 16 euro.

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>